Berlin Declaration Banner smaller

Versione italiana in basso

For photos of the visit, click here.

2015 VISIT Italy Santos TideiOSCE PA delegation meeting with volunteers at the Italian Red Cross in Rome, 18 June 2015.COPENHAGEN, 22 June 2015 – The migrant crisis in the Mediterranean is a challenge not just for the countries of that region but for the whole of Europe, concluded the Chair of the OSCE Parliamentary Assembly’s Committee on Democracy, Human Rights and Humanitarian Questions, Isabel Santos (MP, Portugal), at the close of her five-day visit to Rome, Lampedusa, Catania and Mineo on Sunday.

Following a series of meetings with government officials, migrants, refugees, employees at reception facilities, civil society leaders and representatives of international organizations, Santos noted that Italy is doing a commendable job of responding to the crisis, but that without greater support from the wider European community, it may soon be past its capacity to handle the influx on its own. She urged policymakers not to lose sight of the human face of the crisis.

“Who are these migrants?" she asked. "They are people fleeing from death, war, violence and misery. They are asking us for only one thing – an opportunity for life, life with dignity."

She also spoke about the Dublin Regulation, a European Union rule that determines which Member State is responsible for processing asylum claims. The regulation has been criticized for placing the burden entirely on southern entry countries and for failing to provide fair and effective protection to asylum seekers. 

"The Dublin system needs to be reformed in order to promote a more humane approach to the crisis. Although we must be careful not to reduce these refugees and migrants to mere numbers, the proposal for a quota system seems like a good way to provide a responsible and humane solution by the European Union," she said.

"There is equally a need to create Frontex ‘advance’ facilities in the countries from which the refugees are most often fleeing. These should include information offices which would provide advice on legal ways to come to Europe and also help the refugees understand their future once they are in the EU," she added.

Santos was joined on her visit by Italian OSCE parliamentarians Marietta Tidei, the Rapporteur of the Assembly’s Committee on Economic Affairs, Science, Technology and Environment, and Cristina De Pietro. The delegation conducted a series of visits intended to sensitize Italy and other European countries to the refugee crisis.

In Rome, the parliamentarians met with government officials and representatives of the Italian Red Cross. In Lampedusa, they visited the First Aid and Reception Center, and in Catania, the Caritas Diocesana di Catania Help Center and the Protection System for Refugees and Asylum Seekers (SPRAR) project. In Mineo, they visited the Reception Center for Asylum Seekers (CARA).

By observing the humanitarian situation on the ground and discussing with relevant interlocutors Italy’s efforts to handle the influx, the delegation hopes to increase awareness across the OSCE area that it is time to act on this problem in a way that is equitable, effective, humane and fair.

"These are dramatic days in terms of migration," said Italian parliamentarian Tidei at the close of the visit. "We are seeing an exodus of biblical proportions and precisely those countries that should feel a sense of responsibility are showing the worst face of Europe, protecting their own interests."

She added: "The Mediterranean is not only the border of southern Italy, it is the southern border of the European continent. Europe cannot close its eyes and deny its compassion to children dying at sea. It cannot slam the door in the face of women and men who arrive on our shores."

De Pietro said, "The burden of responsibility should not fall on those countries whose borders are most exposed. Focusing on the issues of migration and refugees, we should at the same time remember our own poor in Europe. There should be no war between poverties of different continents. To avoid racial and class tensions in Europe, there is an urgent need to ensure the migrants are well integrated into our societies. I believe that we should complement immediate measures with long-term programmes and initiatives aimed at addressing the root causes of irregular migration working with third countries especially countries of origin and transit."

She added: "Moreover, the development of more effective European and Italian social policies should be our priority since in the aftermath of the financial crisis our social model has faced unprecedented challenges. We should also consider Mediterranean migration in a wider context highlighting the positive potential of genuine integration for socio-economic cohesion."

De Pietro pointed in particular to the work of SPRAR, which is financed by Italy’s Ministry for the Interior and the EU, and provides housing, counseling and other support to asylum seekers. Although small, De Pietro noted it is doing important work in facilitating direct communication between refugees and the local population.

Santos said she was most struck by two things during the visit: one, the suffering of the migrants and refugees, and two: by the commitment, professionalism and passion of the numerous humanitarian organizations, such as the Red Cross, Misericordia, Caritas, and Medici per i diritti umani. These professionals are "missionaries of hope," Santos said.

The OSCE Parliamentary Assembly will debate a resolution calling for urgent solutions to the Mediterranean migrant crisis proposed by Tidei at the 24th Annual Session in Helsinki on 5-9 July 2015. The resolution reaffirms the right of all people fleeing persecution and conflict to asylum, and calls for reform of EU regulations on migrant reception quotas, as well as a more effective search and rescue initiative in the Mediterranean Sea.

Santos, who has previously visited refugee camps in Turkey, intends to continue her focus on the refugee and migrant crisis, with possible upcoming visits to other affected countries.


Assistendo alla più grande crisi dei rifugiati degli ultimi decenni, i parlamentari OSCE chiedono una maggiore condivisione degli oneri

COPENAGHEN, 22 giugno 2015 – La crisi dei migranti nel Mediterraneo rappresenta una sfida non solo per i paesi della regione ma per l’Europa intera, ha concluso domenica il Presidente della Commissione Generale Democrazia, Diritti Umani e Questioni Umanitarie dell’Assemblea Parlamentare dell’OSCE, l’On. Isabel Santos (MP, Portogallo), alla chiusura della visita di cinque giorni a Roma, Lampedusa, Catania e Mineo.

A seguito di una serie di incontri con funzionari governativi, migranti, rifugiati, operatori e funzionari delle strutture di accoglienza, leader della società civile e rappresentanti delle organizzazioni internazionali, l’On. Santos ha evidenziato l’encomiabile lavoro svolto dall’Italia nel rispondere alla crisi, ma ha anche notato che, senza un maggiore sostegno da parte della comunità europea, la gestione dell’afflusso da parte dell’Italia potrebbe andare presto oltre le sue capacità. Ha, quindi, esortato i politici a non perdere di vista il volto umano della crisi.

“Chi sono questi migranti?” si è chiesta. “Sono persone in fuga da morte, guerra, violenza e miseria. Esse ci chiedono solo una cosa - opportunità di vivere la propria vita con dignità.”

Ha anche parlato del regolamento di Dublino, una norma dell'Unione europea che individua lo Stato membro competente per l’esame delle domande d’asilo. Il regolamento è stato criticato per aver imposto l'onere interamente ai paesi del sud e per non aver fornito una protezione equa ed efficace ai richiedenti asilo.

"Il sistema di Dublino deve essere riformato in modo da promuovere un approccio più umano alla crisi. Anche se dobbiamo stare attenti a non ridurre i rifugiati e migranti a semplici numeri, la proposta di un sistema di quote sembra un buon modo per fornire una soluzione più responsabile e umana da parte dell'Unione europea", ha affermato.

"Vi è ugualmente la necessità di creare strutture di Frontex nei paesi dai quali i rifugiati sono in fuga. Queste dovrebbero includere uffici di informazione che forniscano consigli sulle modalità legali di ingresso in Europa e aiutino inoltre i rifugiati a capire il loro futuro una volta che sono in Europa ", ha aggiunto.

L’On. Santos è stata accompagnata nel corso della sua visita dalle parlamentari della delegazione italiana presso l’Assemblea Parlamentare dell’OSCE, l’On. Marietta Tidei, relatrice della Commissione Generale Affari Economici, Scienza, Tecnologia e Ambiente, e l’On. Cristina De Pietro. La delegazione ha effettuato una serie di visite intese a sensibilizzare l’Italia e altri paesi europei sulla crisi dei rifugiati.

A Roma, i parlamentari hanno incontrato funzionari del governo e rappresentanti della Croce Rossa Italiana. A Lampedusa, hanno visitato il centro di primo soccorso e accoglienza, e a Catania, la Caritas Diocesana di Catania e il centro SPRAR (Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati). A Mineo, hanno visitato il Centro di accoglienza per richiedenti asilo (CARA).

Avendo osservato la situazione umanitaria sul posto e dialogato con gli interlocutori circa gli sforzi dell'Italia per gestire l'afflusso, la delegazione spera ora di accrescere la consapevolezza in tutta l'area dell'OSCE che è il momento di affrontare questo problema in un modo che sia equo, efficace, umano e giusto.

“Queste sono giornate drammatiche sul fronte dell'immigrazione,” ha affermato la parlamentare italiana Tidei. “Stiamo assistendo ad un esodo epico e proprio quei Paesi che dovrebbero sentire le responsabilità maggiori stanno mostrando il volto peggiore dell'Europa, proteggendo i loro propri interessi.”

Ha inoltre aggiunto: “Il Mediterraneo non è solo la frontiera sud dell'Italia, è la frontiera sud dell’intero continente europeo.  L’Europa non può chiudere i suoi occhi e non avere compassione di fronte ai bambini morti in mare. Non può sbattere la porta in faccia alle donne e agli uomini che arrivano sulle nostre coste.”

L’On. De Pietro ha detto: “L’onere della responsabilità non deve ricadere solo su quei paesi le cui frontiere sono più esposte. Mentre ci concentriamo sui temi della migrazione e dei rifugiati, dovremmo allo stesso tempo ricordare i nostri poveri in Europa. Non ci dovrebbe essere alcuna guerra tra poveri di diversi continenti. Al fine di evitare tensioni razziali e di classe in Europa, vi è un urgente bisogno di garantire che i migranti siano ben integrati nelle nostre società. Io credo che si debba integrare misure immediate con programmi a lungo termine e iniziative volte ad affrontare le cause profonde della migrazione irregolare, lavorando con i paesi terzi, in particolare i paesi di origine e di transito”.

Ha aggiunto: “Inoltre, lo sviluppo di più efficaci politiche sociali europee e italiane dovrebbe essere la nostra priorità dal momento che, in seguito alla crisi finanziaria, il nostro modello sociale ha affrontato sfide senza precedenti. Dovremmo anche considerare la migrazione mediterranea in un contesto più ampio, evidenziando il potenziale positivo di un’autentica integrazione per la coesione socio-economica.”

L’On. De Pietro ha sottolineato in modo particolare il lavoro del centro SPRAR, che è finanziato dal Ministero dell'Interno e dall'Unione europea, e che fornisce alloggio, consulenza e altre forme di sostegno ai richiedenti asilo. Anche se piccolo, l’On. De Pietro ha evidenziato il lavoro importante che esso sta svolgendo al fine di facilitare la comunicazione diretta tra i rifugiati e la popolazione locale.

L’On. Santos ha detto che è rimasta particolarmente colpita da due cose nel corso della sua visita: in primo luogo, dalla sofferenza dei migranti e dei rifugiati, e in secondo luogo, dall'impegno, la professionalità e la passione delle numerose organizzazioni umanitarie, come la Croce Rossa, Misericordia, Caritas, e Medici per i diritti umani. Questi professionisti sono "missionari della speranza", ha detto l’On. Santos.

L'Assemblea parlamentare dell'OSCE discuterà una risoluzione che chiede soluzioni urgenti alla crisi dei migranti nel Mediterraneo, proposta dall’On. Tidei per la 24a Sessione Annuale che si terrà ad Helsinki dal 5 al 9 luglio 2015. La risoluzione riafferma il diritto di asilo per tutte le persone in fuga da persecuzioni e conflitti, chiede la riforma delle norme UE in materia di quote di accoglienza dei migranti, e un’iniziativa di ricerca e soccorso più efficace da attuare nel Mar Mediterraneo.

L’On. Santos, che ha in precedenza visitato anche campi profughi in Turchia, intende continuare a rivolgere la sua attenzione alla crisi dei rifugiati e dei migranti, con possibili prossime visite negli altri paesi colpiti.